Qual è il peso di una Katana?

Rispetto alle spade di altri Paesi, le katane giapponesi hanno un aspetto sottile ed elegante, che conferisce loro un'immagine di leggerezza e assenza di peso. Nelle guerre d'epoca vediamo brandire brillanti katane, ma quanto pesa una vera katana giapponese? Le katane sono piuttosto pesanti perché sono armi che risalgono a un'epoca precedente all'avvento dei metalli leggeri. Diamo un'occhiata più da vicino al peso delle katane giapponesi e alle differenze nel modo in cui si sentono quando si tengono in mano.

Quanto pesa una katana?

Durante il periodo Edo, i guerrieri portavano alla cintura due spade giapponesi, una Uchinata e l'altra Wakizashi. All'epoca non c'erano mezzi di trasporto ed era normale camminare per diverse decine di chilometri.
Quindi, quale carico portavano realmente? Ve lo spieghiamo in base al peso di una spada giapponese.

Il peso medio è di circa 1 kg

La katana giapponese, una lama lunga e sottile, è realizzata piegando e forgiando ripetutamente un metallo molto puro chiamato tamahagane.

Il materiale originale è sabbia di ferro di alta qualità, che viene poi fusa con il metodo tradizionale giapponese della tatara per produrre il tamahagane, il materiale di base della spada giapponese. Il fabbro colpisce ripetutamente l'acciaio per allungarlo e poi lo lamina per creare una spada più densa.

L'interno di una spada giapponese non è quindi un oggetto solido, ma è costituito da molti strati sottili di acciaio e, nonostante l'aspetto sottile, la spada è molto pesante.

Per portare una spada giapponese sono necessarie diverse parti, tra cui il fodero e l'elsa (tsuka: l'impugnatura di una spada giapponese) oltre alla spada stessa (toshin: la lama estratta). Il peso medio di una spada con solo l'elsa e la tsuba attaccate alla lama era di circa 1 kg, mentre le spade più pesanti pesavano circa 1,5 kg. Considerando che si muovevano a piedi, sarebbe stata necessaria una forza considerevole per portare quotidianamente una spada giapponese intorno alla vita.

Cambiamenti nel tempo e nel peso delle spade giapponesi

samourai porte un katana

Il koto (spada antica) è una spada giapponese realizzata in un periodo di circa 700 anni, dalla metà del periodo Heian dopo il 901 al 1595, poco prima del periodo Edo (1603-1868). Il metodo di forgiatura utilizzato per il koto è diverso da quello utilizzato per le shin-to (spade nuove), ma i dettagli della tecnica non sono noti.

Dalla metà del periodo Heian al periodo Muromachi (1336-1573), quando l'antica katana veniva utilizzata principalmente nei combattimenti a cavallo, doveva essere pratica e maneggevole quando si indossava un'armatura. Per poter tagliare e sfondare le armature altamente difensive, le katane giapponesi dovevano essere forti, ma allo stesso tempo abbastanza pesanti e pratiche da poter essere maneggiate facilmente.

Una tipica spada antica misura circa 2 shaku 3 sun (circa 70 cm) e pesa tra i 600 e i 700 grammi. Tuttavia, durante il periodo Nanbokucho (1644-1644), le spade lunghe giapponesi divennero popolari e furono realizzati molti "otachi" (spade di grandi dimensioni) con una lama lunga più di 3 shaku (circa 90 cm), il cui peso aumentò. Ad esempio, la "Taro-Tachi" (spada con elsa) della collezione del Santuario di Atsuta, nella Prefettura di Aichi, misura oltre 7 shaku 3 sun (221,5 cm) e pesa 4,5 kg.

Dalla fine del periodo Muromachi (1333-1573), la lunghezza delle antiche katane è gradualmente diminuita, poiché lo stile tradizionale lungo, profondamente curvo e aggraziato è stato sostituito da uno stile più pratico.

Inoltre, molte katane giapponesi sono state consumate dalla guerra. Si ritiene quindi che solo il 30-40% delle katane esistenti sia antico.

Peso delle nuove katane

lame katana et homme

Lo shintō si riferisce alle spade giapponesi realizzate tra la fine del periodo Azuchi-Momoyama e la metà del periodo Edo nel 1763 (Horeki 13). Quando i combattimenti cessarono nel periodo Edo, la katana giapponese si trasformò da arma a oggetto simbolico che rappresentava lo status di samurai.
Fino a quel momento, la katana giapponese era una necessità per l'autoprotezione e poteva essere posseduta da chiunque, indipendentemente dallo status, ma a causa dell'ordinanza sulla caccia alla spada, solo i samurai potevano possedere una katana. Durante il periodo Edo (1603-1867), i fabbri di katana iniziarono a riunirsi nelle grandi città come Edo e Osaka, grazie alla fornitura stabile di materiali di alta qualità.

Molte delle katane che sopravvivono oggi sono katane nuove realizzate in questi periodi, con un peso medio di circa 1 kg. Nel periodo Edo, la lunghezza della spada giapponese (josun: la lunghezza della spada che un samurai poteva portare) era fissata dallo shogunato, anche per coloro che avevano una cintura di spada, ed era limitata a 2 shaku 3 sun 5 min (circa 70 cm).

Inoltre, le katane giapponesi erano raramente utilizzate in battaglie reali, per cui aumentò la richiesta di katane di bell'aspetto e di fattura elegante. L'importanza della katana giapponese passò da arma usata in battaglia a simbolo di autorità e opera d'arte, e l'importanza della katana passò da oggetto di consumo a cimelio. Per questo motivo, molte katane giapponesi del periodo Shintō sono rimaste in buone condizioni.

Le katane del periodo Shintō, realizzate quando non c'erano grandi battaglie, erano più pesanti delle katane del periodo suekōtō, il periodo degli Stati Combattenti. Si diceva anche che le nuove katane avevano perso un po' della morbidezza di quelle vecchie ed erano più inclini a rompersi a causa del contenuto uniforme di carbonio in tutta la lama, dovuto alla distribuzione a livello nazionale di ferro domestico omogeneo. L'opinione generale era che la necessità di compensare la forza fosse anche un fattore che spiegava perché le nuove katane pesassero di più rispetto a quelle più corte e maneggevoli della tarda antichità del periodo degli Stati Combattenti.

Peso delle katane giapponesi dopo lo Shintoismo

samourai dégaine katana

Con la diminuzione della domanda di nuove katane giapponesi e il declino dei fabbri in varie regioni, si sviluppò un movimento di ritorno alle vecchie katane, con il maestro fabbro "Suishinshi Masahide" che sosteneva la "teoria del restauro della spada".
Questo movimento portò alla nascita dello shinsatoh, che produsse spade giapponesi potenti e dinamiche nello stile di Soshu-den e Bizen-den.

Durante gli sconvolgimenti del tardo periodo Edo, divennero popolari le "kinouto", spade lunghe e pesanti poco deformabili, e comparvero anche spade corte e sottili, facili da maneggiare e utilizzabili con l'abbigliamento in stile occidentale. Di conseguenza, le katane giapponesi erano prodotte in un'ampia gamma di pesi, da 700 grammi a 1,4 chilogrammi.

Le katane giapponesi realizzate dopo l'abolizione della legge sulla spada furono chiamate katane moderne (gendaito) e molte furono utilizzate nelle guerre contro altri Paesi.

Le katane giapponesi differiscono in termini di peso effettivo e di peso percepito quando vengono impugnate?
pratique katana

Il peso percepito varia a seconda della posizione del centro di gravità della katana.

Anche le katane giapponesi dello stesso peso possono sembrare più leggere o più pesanti quando si tengono in mano più katane. Di seguito viene spiegato il peso percepito a causa delle differenze di costruzione delle spade giapponesi.

Il peso percepito varia a seconda della posizione del baricentro.
A seconda che il centro di gravità della katana sia più vicino all'elsa o alla punta della lancia/kisaki, una katana giapponese dello stesso peso può sembrare più pesante o più leggera. La katana giapponese è lunga e sottile e la lunghezza dell'elsa varia a seconda della marca della katana, quindi l'equilibrio è determinato dalla posizione dell'elsa.

Tuttavia, c'è un limite all'equilibrio che si può dare alla katana solo attraverso il modo in cui la si impugna. Così come il carico percepito è diverso a seconda di dove si tiene un lungo bastone, la posizione del centro di gravità della katana stessa ha un effetto sul peso percepito.

Il centro di gravità di ogni katana varia a seconda della sua costruzione. Per questo motivo, quando abbiamo scelto una katana da usare in combattimento, abbiamo dovuto verificare non solo le semplici misure, ma anche la sensazione di impugnare e usare effettivamente la katana. Il peso della katana era un criterio importante nella scelta di una katana da usare nella vita quotidiana.

Il peso percepito varia a seconda della lunghezza della katana.

Non è solo la posizione del baricentro a determinare il peso percepito. Il peso percepito dipende anche dalla lunghezza della katana. Se si confrontano due katane giapponesi di peso quasi uguale ma di lunghezza diversa, la katana più lunga sembrerà più pesante di quella più corta.

Se l'equilibrio tra lunghezza e peso non vi soddisfa, la katana vi sembrerà più pesante e difficile da maneggiare di quanto non sia in realtà. La tsuba è anche un accessorio importante per regolare il baricentro e la lunghezza della katana. A seconda della posizione della tsuba sull'asta, cambiano il centro di gravità e la lunghezza dell'impugnatura.

Si dice che anche una katana giapponese dello stesso peso si senta completamente diversa nell'uso se la lunghezza della spada è leggermente diversa. La facilità di maneggiare una spada giapponese può essere alterata da una minima differenza nella forma della spada.

Il "centro di gravità della mano" per ridurre la percezione del peso della katana.

tsuba katana

Il "centro di gravità della mano" significa che il centro di gravità è letteralmente più vicino all'elsa. Una katana giapponese il cui centro di gravità si trova nell'elsa è più leggera di una katana il cui centro di gravità si trova nella punta (kirigaki), il che offre maggiore libertà e facilita la manipolazione. Inoltre, quando si fa oscillare la katana da un lato all'altro, il baricentro della mano permette di spostare la katana a piacimento.
Sebbene sia possibile regolare in qualche modo il baricentro con la tsuba, il baricentro di una katana giapponese è determinato approssimativamente dalla catena della katana. Il centro di gravità di una spada koshibari, spesso presente nelle spade giapponesi del periodo compreso tra la fine del periodo Heian e l'inizio del periodo Kamakura, è naturalmente più vicino alla mano perché il centro del koshibari è più vicino alla mano.

All'epoca in cui furono realizzate le katane koshi-wari, la maggior parte delle battaglie veniva combattuta a cavallo. Sebbene all'epoca archi e frecce fossero le principali armi da guerra, quando una katana giapponese veniva estratta a cavallo, veniva brandita con una sola mano. La katana giapponese con il bordo curvo vicino alla mano era più facile da estrarre da cavallo, ma la katana giapponese con il baricentro vicino alla mano era più utile all'epoca perché sembrava più leggera del suo peso reale e poteva essere impugnata più liberamente. Nello iaido moderno, dove l'enfasi è sulla velocità, si dice che la katana è più equilibrata se il suo centro di gravità è vicino alla mano.

D'altra parte, il baricentro della mano presenta uno svantaggio. La katana giapponese è un'arma potente non solo per la sua affilatezza, ma anche per il suo peso e il suo equilibrio. Inoltre, con il baricentro vicino alla mano, qualsiasi sfocatura della lama si trasmette facilmente alla linea della lama, con conseguente disallineamento della posizione di battuta. Sebbene la leggerezza e la maneggevolezza siano di solito un vantaggio, non è sempre così quando si brandisce la katana.

Il "baricentro del punto", che sembra pesante e difficile da gestire.

pointe katana

"Sagashin" significa che il centro di gravità della spada si trova più vicino alla punta della lancia/kirisaki (la punta della lama), rispetto al centro di gravità della spada stessa. Quando si impugna una katana con il baricentro sagashi, è facile avere la sensazione che la katana sia più pesante di quanto non sia in realtà. I due tipi più comuni di katana Sagashira sono il Sagatari, in cui il centro dell'arco è vicino alla punta della lancia/kirisaki, e il Muhariri, in cui l'arco è quasi del tutto assente.

Dal periodo Muromachi al periodo Sengoku, con l'aumento della portata delle battaglie, si verificò il passaggio dalla guerra a cavallo a quella a cavallo (kachi). Soprattutto durante il periodo Sengoku, non solo i guerrieri ma anche i contadini partecipavano alle battaglie come soldati a piedi. La katana giapponese, con il suo bordo ricurvo vicino alla punta della lancia, aveva il vantaggio di tagliare il nemico in modo più netto, rendendo più facile infliggere danni al nemico.

Il centro di gravità della punta comporta un carico maggiore sulla persona che brandisce la katana, ma è anche più facile trasferire il peso sulla persona che viene tagliata. Pertanto, anche chi non era esperto di arti marziali, come i fanti, poteva infliggere un colpo mortale con il peso di una spada giapponese, ed è per questo che la katana con baricentro appuntito era ampiamente utilizzata. Si può dire che una katana giapponese con il baricentro a punta aveva maggiori probabilità di sferrare un colpo pesante a un bersaglio rispetto a una spada giapponese con il baricentro in mano.

Pesi delle katane giapponesi adatti all'uso pratico moderno

katana japonais

In tempi moderni, lo iaido e altre forme di iaido sono luoghi in cui la katana giapponese può essere effettivamente utilizzata. La katana giapponese necessaria per la pratica moderna deve essere facile da usare in situazioni reali di manipolazione, come lo iaido e le prove di taglio, ed è importante un senso di unità tra l'utente e la katana giapponese. Oltre a poter essere maneggiata rapidamente e liberamente, la katana deve anche essere abbastanza forte da tagliare un oggetto, come nelle prove di taglio, e avere un peso adeguato.

L'equilibrio complessivo della katana giapponese è importante per la sua maneggevolezza. Ad esempio, se il centro di gravità della punta aumenta troppo e la katana sembra più pesante del suo peso effettivo (rendendola difficile da maneggiare), è necessario modificare la forma dell'impugnatura o della tsuba. Non esiste una katana giapponese facile da maneggiare per tutti, e spesso dipende dalla propria sensibilità.

Le nostre Katane

Voir Tout
Salva €20,00
Katana Fuyu 冬Katana Fuyu 冬
Katana Fuyu 冬
Prezzo di venditaDa €230,00 Prezzo regolare€250,00
In magazzino
Katana Midori no yoru 緑の夜Katana Midori no yoru 緑の夜
Katana Midori no yoru 緑の夜
Prezzo di venditaDa €290,00
In magazzino
Katana Watatsumi 海神Katana Watatsumi 海神
Katana Watatsumi 海神
Prezzo di venditaDa €320,00
In magazzino
Katana Kuro 黒Katana Kuro 黒
Katana Kuro 黒
Prezzo di venditaDa €330,00
In magazzino
Katana Kangeki 感激Katana Kangeki 感激
Katana Kangeki 感激
Prezzo di venditaDa €280,00
In magazzino
Katana Jin 寺院Katana Jin 寺院
Katana Jin 寺院
Prezzo di venditaDa €250,00
In magazzino
Katana Murasaki 紫Katana Murasaki 紫
Katana Murasaki 紫
Prezzo di venditaDa €230,00
In magazzino
KATANA HEBI ヘビKATANA HEBI ヘビ
KATANA HEBI ヘビ
Prezzo di venditaDa €430,00
In magazzino
Katana Ōchō 王朝Katana Ōchō 王朝
Katana Ōchō 王朝
Prezzo di venditaDa €320,00
In magazzino
Katana Yoru 夜Katana Yoru 夜
Katana Yoru 夜
Prezzo di venditaDa €290,00
In magazzino
Katana Geiko 芸子Katana Geiko 芸子
Katana Geiko 芸子
Prezzo di venditaDa €280,00
In magazzino
Katana Hasunohana 蓮の花Katana Hasunohana 蓮の花
Katana Hasunohana 蓮の花
Prezzo di venditaDa €530,00
In magazzino