Kendo: Tutto quello che c'è da sapere

La scherma sarà anche una creazione occidentale, ma i giapponesi hanno il Kendo, un'arte marziale profondamente radicata nella terra dei Samurai. Tradotto approssimativamente in "la via della spada", il Kendo non è solo uno sport educativo, ma anche uno stile di vita per i praticanti che danno valore alla crescita personale, all'autodisciplina e al rispetto. Non sorprende che milioni di persone pratichino questa antica arte anche nel XXI secolo.

In questo articolo ci uniremo a noi per esplorare il mondo del Kendo, gli strumenti che richiede e le tecniche che i praticanti mirano a padroneggiare. Analizzeremo anche i fondamenti e le regole associate al Kendo agonistico, compresi i benefici che si possono trarre da quest'arte marziale.

La storia del Kendo

Iniziamo a rispondere alla domanda "Che cos'è il Kendo?" apprezzando le sue origini.

Gli studiosi ritengono che l'età dei samurai sia stata compresa tra il 1185 e il 1868, per cui alcuni ritengono che il Kendo si sia sviluppato in questo periodo. Tuttavia, quest'arte marziale precede la Katana di diversi secoli, soprattutto tra il III e il IV secolo. Coincide con il periodo in cui i combattimenti con la spada iniziarono nell'arcipelago.

Il Kendo ha raggiunto lo status di arte marziale a metà del XIX secolo, durante il tardo periodo Edo, combinando diversi metodi di "combattimento samurai" (Kenjutsu) provenienti da ogni provincia giapponese. Il Kendo del XXI secolo ha tratto ispirazione da Hokoshin Itto-ryu, Akanishiha Itto-ryu e Jikishinkage-ryu.

Le seguenti personalità hanno contribuito allo sviluppo del Kendo moderno.

  • Naganuma Shirozaemon - inventò la spada Shinai Kendo e l'equipaggiamento protettivo Kendo all'inizio del XVIII secolo.
  • Nakanishi Chuta - sviluppò uno Shinai a 4 segmenti che usiamo ancora oggi.
  • Chiba Shusaku Narimasa - ha reso popolare lo stile di scherma Kendo

Il 1877 vide la fine dei samurai, ma non del kendo. Come "via della spada", il governo Meiji utilizzò i principi del Kendo per instillare la disciplina nella polizia, venerando al contempo la cultura e la tradizione giapponese.

Valorizzando gli insegnamenti del Kendo, gli educatori giapponesi dell'inizio del XX secolo inclusero il Kendo nei programmi di studio per inculcare l'obbedienza indiscussa e la lealtà all'Imperatore e rafforzare il senso di nazionalismo nei giovani giapponesi.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, il Kendo è stato eliminato dai programmi educativi, ma è stato ripreso nel 1952 con la crescente popolarità dello sport della spada Shiani Kyogi. Questo evento aprì la strada alla creazione dell'Associazione Federazione All-Japanese di Kendo, eliminando le precedenti tecniche di Kendo ritenute dannose o nocive.

Questo Kendo è quello che persiste oggi.

Vantaggi del Kendo

Sebbene il Kendo moderno non insegni più molti "stili di combattimento del guerriero samurai", esso rimane fondamentale per aiutare i praticanti (Kendoki) a trarre i seguenti benefici.

  • Forza mentale
  • Come i leggendari Samurai, i Kendoki rafforzeranno la loro forza mentale, la concentrazione, la disciplina e la perseveranza. Questi attributi permettono agli studenti di Kendo di concentrare le loro energie mentali per combattere lo stress quotidiano, consentendo loro di eccellere in molti aspetti della vita moderna.

  • Rispetto e sviluppo spirituale
  • Anche se romanzato, il personaggio di Tom Cruise "Cap. Nathan Algren" nel film "L'ultimo samurai" riassume la terra e le pratiche quotidiane del guerriero samurai come niente di meno che "spirituale". La calma dello spirito, la cortesia, il rispetto, la chiarezza mentale e l'etichetta sono elementi fondamentali del mondo dei samurai. Questi attributi sono centrali anche nell'allenamento del Kendo.

  • Allenamento fisico
  • Non fatevi illusioni. L'allenamento di kendo può essere brutalmente impegnativo. Richiede ai Kendoki agilità e flessibilità. Devono possedere un vigore e una resistenza incessanti e devono coordinare movimenti fulminei senza perdere l'equilibrio. Questi requisiti possono sembrare facili, ma provate a farlo con la concentrazione mentale di un samurai e diventerà una sfida.

  • Apprezzamento culturale
  • L'apprendimento e l'apprezzamento della cultura giapponese sono più coinvolgenti con l'allenamento di Kendo che con la visione di video informativi e la lettura di materiale didattico. Si tratta di un'esperienza multisensoriale che gli occidentali non possono fare altrove e che permette loro di comprendere più a fondo le tradizioni e le credenze uniche del popolo giapponese.

  • Relazioni sociali
  • Come altri luoghi di apprendimento, i dojo di Kendo sono comunità in cui l'interazione sociale è rispettata e valorizzata. Non è raro che si formino amicizie che durano tutta la vita con altri studenti di Kendo, permettendo loro di cementare formidabili legami sociali che trascendono i confini geopolitici e socioeconomici.

  • Autodifesa
  • Sebbene il Kendo moderno non insegni più i letali stili di combattimento dei samurai, il condizionamento della mente e del corpo è sufficiente per sventare un attacco. Rimarrete calmi in mezzo al caos e potrete pensare a come sottomettere l'avversario e proteggere voi stessi e i vostri cari.

    Spade da kendo

    Ora che abbiamo compreso i numerosi vantaggi del Kendo, è giunto il momento di esaminare quest'arte marziale che venera lo spirito indomito del guerriero samurai e la via della spada. Le spade del Kendo sono essenziali come la Katana dei guerrieri samurai.

    Vale la pena sottolineare che usare una Katana affilata come un rasoio per imparare e padroneggiare la "via della spada" non è una buona idea, soprattutto per chi è alle prime armi o per i principianti. Le spade da kendo hanno una lama di legno dritta. Questi strumenti di allenamento non hanno la curva e il bordo affilato della Katana. Tuttavia, le spade da allenamento Kendo possono ancora infliggere dolore a qualcuno quando colpiscono una parte del corpo, ma il bordo smussato non taglia o fende.

    Sebbene questi strumenti non siano caratterizzati dall'altrettanto mistico acciaio Tamahagane, le spade da Kendo rimangono opere d'arte eccezionali e strumenti inestimabili per i Kendoki che vogliono trarre i numerosi benefici dell'arte marziale.

  • Shinai
  • Secondo il governo giapponese, il Paese ospita 250 specie di bambù su 1.200 in tutto il mondo, superando le 136 dell'India ma non le 861 della Cina. Tuttavia, il bambù rimane uno dei legni più pregiati del Giappone, grazie al quale è possibile realizzare spade Shinai Kendo per l'allenamento.

    Il bambù è robusto e durevole, ma offre una flessibilità tale da non causare gravi danni quando un kendoka lo colpisce contro un avversario. Lo Shinai è inconfondibile. Non ha l'iconica curva della Katana, anche se lo Shinai conserva alcuni elementi della spada Samurai.

    Lo Shinai misura 115 centimetri (45 pollici) dal Kashira (il pomo) della Tsuba (elsa) al Kissaki (la punta della lama). La Katana media è più corta di 15 centimetri o circa 6 pollici. Tuttavia, lo Tsuka (guardia della spada) dello Shinai è leggermente più piccolo di quello della Katana. Alcune spade Shinai sono più lunghe o più corte per adattarsi all'altezza dell'utilizzatore.

    I kendoki alle prime armi usano le spade Shinai perché sono più sicure, pur dando la sensazione unica di brandire uno strumento leggendario. È lo strumento di allenamento ideale per imparare le basi, testare le abilità apprese attraverso lo sparring e competere nei tornei.. 

    kendo beginnings

    Un kendoka che brandisce uno shinai. Foto di AlleSerebrina.

  • Bokken
  • I Kendoki avanzati che desiderano imparare e padroneggiare l'arte del Kata possono optare per una spada da Kendo in legno più robusta: il Bokken. Questa spada da addestramento samurai in legno ha un aspetto quasi identico alla Katana in acciaio Tamahagane, con la sua caratteristica curva, ma senza il luccichio della lama affilata come un rasoio.

    Sebbene il Bokken possa essere realizzato con qualsiasi specie di legno duro, la maggior parte dei produttori di spade da Kendo utilizza quercia rossa o bianca. La sua lunghezza complessiva si avvicina a quella della Katana d'acciaio, che si estende tra i Kashira e i Kissaki tra i 100 e i 110 centimetri o tra i 39 e i 43 pollici.

    I tornei di kendo e le attività di sparring vietano l'uso di un Bokken perché il legno duro ha maggiori probabilità di causare lesioni rispetto a uno Shinai di bambù o di legno dolce.

    Per questo motivo, i Sensei (insegnanti) raccomandano questa spada da Kendo solo per la pratica e la padronanza di tecniche avanzate di Kendo, come la difesa, l'oscillazione della spada e l'attacco della Katana. Può aiutare gli studenti ad affinare le loro abilità e le altre mosse della Katana che possono utilizzare nei tornei Shinai o nei duelli.

    kendo

    Un Bokken in legno per il Kendo. Foto di BokutoShop.

    Bogu, l'armatura da kendo

    Come la scherma, il Kendo richiede ai Kendoki di indossare una speciale "uniforme" o "armatura" (Bogu). Anche se le spade dello Shinai Kendo non possono tagliare o fendere, possono comunque fare male quando si colpisce un'altra persona senza un'adeguata protezione. Per questo motivo, l'arte marziale della spada richiede un'armatura di Kendo con le seguenti parti (dalla testa ai piedi).

  • Uomini
  • Questa parte dell'armatura di Kendo (Bogu) comprende una maschera facciale e due alette protettive per le spalle. Questi componenti proteggono il viso, la testa, il collo e le spalle del Kendoka. È composta dai seguenti elementi.

  • Uomini gane le barre metalliche orizzontali che corrono da un lato all'altro e proteggono il viso del Kendoka dal mento alla linea mediana della testa
  • Tsuki osauna serie di cinghie di cuoio e tessuto attaccate alla parte inferiore del Men Gane per proteggere la gola del Kendoka
  • Fare
  • Il Bogu offre una spessa corazza di cuoio o di stoffa imbottita per proteggere il torso, compresi il petto e l'addome.

  • Kote
  • Questi componenti dell'armatura di Kendo sono guanti simili a muffole che proteggono le mani e l'avambraccio del Kendoka senza compromettere la mobilità, il comfort e la potenza.

  • Tara 
  • La tara è una cintura che il Kendoka avvolge intorno alla vita, composta da spessi pannelli di tessuto che il Kendoka fissa con lacci incorporati per avvolgere entrambe le cosce superiori vicino all'inguine. I lembi protettivi pendono liberi sull'inguine e su entrambe le gambe.

  • Keikogi
  • Derivato dalle parole "Keiko" (pratica) e "Gi" (vestito), il Keikogi è l'uniforme di allenamento di un Kendoka indossata sotto il Bogu. La maggior parte dei Keikogi è di colore indaco perché i giapponesi credono che questo colore abbia effetti emostatici e proprietà sterilizzanti.

  • Hakama 
  • Se il Keikogi è l'indumento superiore dell'uniforme di allenamento del Kendoka, l'Hakama è il pantalone o pantalone a gamba larga. Si tratta di un abbigliamento tradizionale giapponese con caratteristiche uniche.

    • Himo – quattro cinghie (Himo) per fissare l'Hakama; due cinghie lunghe sul lato anteriore dell'indumento e due Himo corte sul lato posteriore
    • Koshi-ita – un pannello rigido simile a una tavola nella parte posteriore dell'Hakama
    • Cupola Hakama – una sezione a forma di cucchiaio fissata con l'Himo corto nella parte posteriore o infilata sotto l'Obi per fissare l'Hakama

    L'Hakama ha cinque pieghe profonde (tre a destra e due a sinistra) sul davanti e due sul retro. Queste pieghe rappresentano le sette virtù del Bushido, tra cui le seguenti.

    • Meiyo - onore
    • Gi – integrità, giustizia e rettitudine
    • Re – rispetto e cortesia
    • Chugi – dovere e lealtà
    • Yu – coraggio eroico
    • Jin – compassione, misericordia o benevolenza
    • Makoto – onestà e sincerità
    what is kendo

    Armatura da kendo (Bogu). Foto di BoguShop.

    Kendo Dojo

    I giapponesi tradizionali chiamano una struttura per l'allenamento del Kendo "Dojo" o "luogo della via". Vale la pena sottolineare che questi luoghi vanno oltre l'apprendimento degli elementi essenziali delle arti marziali con la spada. Sono anche fondamentali per padroneggiare la meditazione, un tema centrale nell'apprendimento del Kendo.

    I dojo di kendo sono caratterizzati da un pavimento in legno aperto e ampio per ospitare il maggior numero possibile di kendoki. È come una palestra di un liceo o di una scuola elementare.

    Tecniche di allenamento del kendo

    L'apprendimento e la padronanza delle diverse tecniche di Kendo richiedono che il Kendoki indossi l'abbigliamento corretto (Bugo, Keikogi e Hatama).Ci si può allenare nel Kendo tutto l'anno. Tuttavia, i giapponesi tradizionali si allenano soprattutto in estate (Kangeiko) e in inverno (Shochugeiko).

    Come ogni programma di allenamento, il Kendo progredisce da principiante ad avanzato, permettendo ai Kendoki di sviluppare le abilità e le competenze necessarie in una fase prima di passare alla successiva.

    Stile di allenamento Shinai

    Questo programma di allenamento di Kendo è rivolto ai principianti e ad alcuni Kendoki avanzati che vogliono padroneggiare le basi. I sensisti che insegnano lo stile Shinai si concentrano sulle seguenti abilità e attività di Kendoki.

    • Impugnare e far oscillare correttamente lo Shinai
    • Tecniche di taglio, fendente e spinta
    • Colpire con lo Shinai e colpire con lo Shinai
    • Colpo di condizione (colpire con lo Shinai per un periodo prolungato)
    • Attività di duello e sparring
    • Tachikiri o pratiche di stallo, in cui il Sensei mette alla prova i limiti della forza fisica del Kendoka.
    Stile di allenamento Bokken

    Come suggerisce il nome, l'allenamento con il Bokken richiede che il Kendoka utilizzi un Bokken di legno invece di uno Shinai di bambù. Questa metodologia di allenamento si basa sulle abilità della fase Shinai, consentendo ai Kendoki di praticare tattiche difensive e di affinare gli attacchi della Katana. Comprende l'apprendimento e la padronanza di quanto segue.

    • Tecniche dell'arte marziale Iaido (l'arte di estrarre una Katana e colpire un avversario con un unico movimento fulmineo, preciso e fluido)
    • Metodi di addestramento di base della Katana di legno
    • Movimenti fondamentali del Kata
    Tecniche di attacco dello Shikake waza

    I tornei di Kendo Shinai richiedono che un Kendoka colpisca un avversario per segnare un punto, come nella scherma. L'avvio di un attacco richiede la conoscenza e l'abilità delle tecniche di Shikake waza, che includono le seguenti.

    • Tobikomi waza – Sfruttare un'apertura, un'opportunità o una debolezza dell'avversario.
    • Hikibana waza – il Kendoka finge di perdere l'equilibrio, in modo da indurre l'avversario ad abbassare la guardia e consentirgli di realizzare un punto.
    • Harai waza – consiste nel colpire il Bugo disarmato (no Shinai) dell'avversario o lo Shinai stesso.
    • Katsugi waza – il Kendoka solleva lo Shinai sopra la spalla dell'avversario in un attacco a sorpresa
    • Debana waza – richiede un tempismo perfetto per colpire un avversario in procinto di colpire
    • Nidan waza – crea una seconda opportunità di colpo assicurando il ritmo corretto per mantenere la postura e l'attenzione dell'avversario o per mettere a segno i colpi
    Tecniche di contrattacco Oji waza

    Così come un Kendoka può iniziare un colpo, può anche eseguire un contrattacco. Queste tecniche sono le Oji waza e comprendono le seguenti.

    • Kaeshi waza – parare lo Shinai avversario e girarlo per colpire il lato opposto dell'altro Kendoka.
    • Nuki waza – richiede un tempismo perfetto per schivare un attacco ed eseguire un contrattacco perfetto.
    • Suriage waza – spazzare lo Shinai avversario con lo Shinai del Kendoka che contrattacca prima di colpire dalla stessa direzione dell'attacco iniziale
    • Uchiotoshi waza – colpire lo Shinai di un Kendoka avversario per neutralizzare l'attacco e passare alla controffensiva.
    kendo history

    Kendoki che si allena in un dojo. Foto di Randburg Sun.

    Fondamenti di kendo

    Il Kendo non è solo apprendimento e padronanza di attacchi e contrattacchi. I sensei enfatizzano la condotta e l'etichetta (Reiho) tra i kendoki perché questi attributi rimangono forti nella cultura giapponese. Pertanto, ci si aspetta che i Kendoki osservino quanto segue.

    • Tutti i Kendoki devono inchinarsi al Sensei, agli altri Kendoki e al Dojo.
    • Tutti i Kendoki devono camminare e muoversi a piedi nudi nel Dojo e nelle aree di allenamento.
    • Un Kendoka deve rispettare gli oggetti degli altri, in particolare il Bugo, non saltando o toccando questi oggetti.
    • Ogni sessione di allenamento di Kendo inizia con la meditazione per aiutare i Kendoki a rilassarsi e a calmare lo spirito e la mente.
    • Tutti i Kendoki devono rispettare i compagni di duello o di sparring, senza mai considerarli "nemici".

    Tornei di Kendo Shinai

    Come già detto, il Kendo è l'equivalente giapponese della scherma occidentale. È uno sport competitivo in cui i Kendoki avversari cercano di segnare punti colpendo aree specifiche del Bugo. La Federazione Internazionale di Kendo formula e supervisiona le regole di ogni torneo di Kendo Shinai.

    Gli incontri del torneo si svolgono in un'area di duello di 9 metri per 11 (30 piedi per 46 piedi) con linee bianche che formano il perimetro. Un incontro può durare dai tre ai dieci minuti, a seconda dell'esperienza e dell'età del Kendoki. Per vincere un incontro, un Kendoka ha bisogno di tre punti, che richiedono una tecnica di taglio o di spinta sulle aree designate, tra cui i seguenti.

    • Lati o parte superiore degli uomini
    • Aree imbottite di Kote
    • Lato sinistro o destro del Do
    • Lo Tsuki osa e intorno alla gola

    Tre arbitri officiano l'incontro di Kendo Shinai, ognuno dei quali tiene in mano bandiere bianche e rosse che corrispondono ai colori dell'angolo del Kendoki. Per esempio, se il Kendoka nell'angolo rosso segna un punto, l'arbitro alza la bandiera rossa.

    Poiché ci sono tre arbitri, due devono essere d'accordo nell'assegnare un punto a un Kendoka. Non è insolito che un incontro di Kendo Shinai finisca in parità.

    kendo art

    Un Kendoka. Foto di AllaSerebrina.

    Il bilancio

    Il Kendo è una delle arti marziali con la spada più sicure e più ricche di cultura al mondo. L'autodisciplina che insegna e il rispetto che inculca in ogni Kendoka rafforzano le fondamenta stesse della persona moderna. Anche se non si partecipa a un torneo di Kendo Shinai, gli insegnamenti si ripercuotono per tutta la vita di un kendoka. Il Kendo Shinai dà all'individuo la possibilità di raggiungere grandi traguardi con rinnovata determinazione e concentrazione, proprio come facevano un tempo i leggendari guerrieri samurai.

    Le nostre Katane

    Voir Tout
    Salva €20,00
    Katana Fuyu 冬Katana Fuyu 冬
    Katana Fuyu 冬
    Prezzo di venditaDa €230,00 Prezzo regolare€250,00
    In magazzino
    Katana Midori no yoru 緑の夜Katana Midori no yoru 緑の夜
    Katana Midori no yoru 緑の夜
    Prezzo di venditaDa €290,00
    In magazzino
    Katana Watatsumi 海神Katana Watatsumi 海神
    Katana Watatsumi 海神
    Prezzo di venditaDa €320,00
    In magazzino
    Katana Kuro 黒Katana Kuro 黒
    Katana Kuro 黒
    Prezzo di venditaDa €330,00
    In magazzino
    Katana Kangeki 感激Katana Kangeki 感激
    Katana Kangeki 感激
    Prezzo di venditaDa €280,00
    In magazzino
    Katana Jin 寺院Katana Jin 寺院
    Katana Jin 寺院
    Prezzo di venditaDa €250,00
    In magazzino
    Katana Murasaki 紫Katana Murasaki 紫
    Katana Murasaki 紫
    Prezzo di venditaDa €230,00
    In magazzino
    KATANA HEBI ヘビKATANA HEBI ヘビ
    KATANA HEBI ヘビ
    Prezzo di venditaDa €430,00
    In magazzino
    Katana Ōchō 王朝Katana Ōchō 王朝
    Katana Ōchō 王朝
    Prezzo di venditaDa €320,00
    In magazzino
    Katana Yoru 夜Katana Yoru 夜
    Katana Yoru 夜
    Prezzo di venditaDa €290,00
    In magazzino
    Katana Geiko 芸子Katana Geiko 芸子
    Katana Geiko 芸子
    Prezzo di venditaDa €280,00
    In magazzino
    Katana Hasunohana 蓮の花Katana Hasunohana 蓮の花
    Katana Hasunohana 蓮の花
    Prezzo di venditaDa €530,00
    In magazzino